2021 FIA Formula One Emilia Romagna Grand Prix – Race – Sunday


Sarebbe stata una bella storia. Se mai ci fosse stato il caso di riprendere da dove avevamo interrotto, il Gran Premio dell’Emilia Romagna sarebbe stato quello. I nostri ultimi punti della stagione 2020 erano stati a Imola, e per molto tempo abbiamo pensato che i nostri primi punti del 2021 sarebbero arrivati ​​nella stessa sede (per fortuna molto prima della stagione rispetto allo scorso anno).

Una gara caotica, iniziata su una pista bagnata, ma asciutta con pioggerella che ancora cadeva in alcuni punti, ha visto Kimi Räikkönen e Antonio Giovinazzi gareggiare per la maggior parte della giornata tra i primi dieci, determinati a far salire il nostro team nella classifica in un giorno con molte opportunità. Partendo bene in condizioni insidiose, con spruzzi che riducono la visibilità a zero, entrambi i piloti hanno corso in P13 e P14, mantenendola pulita nelle fasi iniziali dove c’era così tanto da perdere.

Un terrificante contatto tra Bottas e Russell ha fatto uscire una bandiera rossa, dopodiché Kimi e Antonio sono ripartiti in ottava e undicesima posizione. Il finlandese alla fine si è stabilito in P9, ma è stato messo sotto pressione da un trenino composto da Esteban Ocon, Fernando Alonso e Sergio Perez negli ultimi 12 giri di gara: ha dovuto fare appello a tutta la sua esperienza per tenerli a bada fino al bandiera a scacchi. Quella che poteva essere una possibile doppietta è stata purtroppo annullata da un problema tecnico sulla vettura di Antonio quando era dietro il compagno di squadra. Il conseguente pit stop lo ha collocato 14 ° alla bandiera a scacchi, privandoci di avere due vetture meritatamente nella lotta per gli ultimi due posti in zona punti.

E poi, a poche ore dalla gara, è arrivata la doccia fredda che non ci aspettavamo, con Kimi a cui hanno inflitto una penalità di 30 secondi che ci ha tolto quei due punti per cui abbiamo tanto lottato. Dagli sforzi di un fine settimana passato, ci resta solo che riflettere sulle prestazioni che siamo stati in grado di offrire. Come previsto, i margini in questa parte di stagione sono piccoli – il risultato di oggi fa male, ma vederci lottare su una pista in questo modo rende avvincenti le battaglie previste nelle prossime gare …

La decisione di oggi lascia la squadra sbalordita. Avendo già subito uno svantaggio originale, con Kimi che perdeva due posizioni sotto la Safety Car, siamo stati ulteriormente colpiti da una penalità sproporzionata, inadatta al difetto originale, in corsa in virtù di non mettere in pericolo gli altri concorrenti sorpassando dietro la Safety Car. Era una pena con la quale i commissari stessi si sforzavano a capacitarsi, una pena all’interno della quale essi stessi vedevano contraddizioni. Ha poco senso dal punto di vista sportivo. Tuttavia, lo abbiamo preso sul grugno. Lo useremo per crescere e tornare più forti. Questo è ciò che fanno le squadre.

Frédéric Vasseur, Team Principal Alfa Romeo Racing ORLEN e CEO Sauber Motorsport AG: “Ancora una volta abbiamo dimostrato di avere una macchina in grado di lottare per i punti di domenica, anche se dobbiamo rimpiangere di non portare a casa quello che sarebbe stato un risultato molto positivo. Le condizioni non erano facili e abbiamo fatto un buon lavoro come squadra per essere in lotta. Kimi aveva bisogno di tutta la sua esperienza per mantenere i suoi avversari dietro alla fine della gara, mentre ovviamente è stato molto deludente che un problema tecnico abbia fatto uscire Antonio da una buona posizione quando stavamo cercando di avere due vetture nei primi dieci. Questo problema, e la penalità che ci ha tolto i due punti, a parte, il risultato di oggi ci dà fiducia per le prossime gare, anche se è un altro promemoria di quanto piccoli siano i margini in campionato e di come dobbiamo continuare a migliorare per stare al passo. i rivali più vicini. ”

It would have been such a good story. If ever there would have been a case of picking up where we had left off, the Emilia Romagna Grand Prix would have been it. Our final points of the 2020 season had been in Imola, and for a long time we thought our first points of 2021 would come in the same venue (thankfully a lot earlier in the season than last year).

A chaotic race, started on a wet but drying track with drizzle still falling in places saw Kimi Räikkönen and Antonio Giovinazzi race for most of the day in or about the top ten, determined to get our team off the board for our current campaign on a day of opportunity. Making a good start in treacherous conditions, with spray bringing visibility down to a zero, both drivers raced in P13 and P14, keeping it clean in the opening stages where there was so much to lose.

A terrifying shunt between Bottas and Russell brought out a red flag, after which Kimi and Antonio restarted in P8 and P11. The Finn eventually settled in P9, but came under huge pressure by a train made up by Esteban Ocon, Fernando Alonso and Sergio Perez in the last 12 laps of the race: he had to call upon all his experience to keep them at bay until the chequered flag. What could have been a possible double-points finish was unfortunately nullified by a technical issue on Antonio’s car when he was running line astern with his team-mate. The resulting pit stop placed him 14th at the chequered flag, robbing us of having two cars deservedly in the fight for the final two places in the points.

And then, hours after the race, came the cold shower we did not expect, with Kimi handed a 30-second penalty that takes away those two points we fought so hard for. The efforts of a weekend gone, we are left to reflect on the performance we were able to deliver. As predicted, the margins in this part of the field are small – today’s result does hurt, but seeing us fight on track like that makes for some tasty encounters expected in the next races…

Today’s decision leaves the team dumbfounded. Having already suffered an original disadvantage, with Kimi losing two places under the Safety Car, we were further hit by a disproportionate penalty, unfitting to the original fault, one we incurred by virtue of not endangering the other competitors by overtaking behind the Safety Car. It was a penalty which the stewards themselves struggled to reconcile themselves with, one within which they themselves saw contradictions. One that makes little sense from a sporting point of view. We, nevertheless, take this on the chin. We will use it to grow, and come back stronger. That is what teams do.

Frédéric Vasseur, Team Principal Alfa Romeo Racing ORLEN and CEO Sauber Motorsport AG: “Once again we demonstrated we have a car that can fight for points on a Sunday, even though we are left to rue not bringing home what would have been a very positive result. The conditions weren’t easy and we did a good job as a team to be in the fight. Kimi needed all his experience to keep his rivals behind at the end of the race, while it was obviously very disappointing that a technical problem got Antonio out of a very good position when we were looking at having two cars in the top ten. This issue, and the penalty that took away our two points, aside, today’s result gives us confidence for the next races, although it was another reminder of how small the margins are in the midfield and how we have to keep improving to keep ahead of the nearest rivals.”

Kimi Räikkönen (auto numero 7):
Alfa Romeo Racing ORLEN C41 (Telaio 04 / Ferrari)
Risultato della gara: 13 °
Giro più veloce: 1: 19.422 (L62)
Pneumatici: Intermedie nuove (26 giri) – Medie nuove (37 giri)

Kimi Räikkönen (car number 7):
Alfa Romeo Racing ORLEN C41 (Chassis 04/Ferrari)
Race result: 13th
Fastest lap: 1:19.422 (L62)
Tyres: New Intermediates (26 laps) – New Medium (37 laps)

  

“È stata una bella rimonta dopo la giornata di ieri e prendere punti dalla 16 ° posizione in griglia sarebbe stata una bella storia. Le condizioni erano molto difficili, la pista era scivolosa e non si è mai prosciugata completamente: era così facile sbagliare. Abbiamo fatto una buona partenza ma non abbiamo visto nulla in scia a causa dell’acqua alzata dalle altre vetture; avevamo un buon passo, sono tornati sotto alla fine dello stint ma a quel punto la pista era abbastanza asciutta per le slick. Abbiamo faticato un po ‘di più dopo la bandiera rossa, ma siamo stati in grado di sfruttare il layout della pista a nostro vantaggio e tenere tutti gli altri indietro per finire in nona posizione. Sfortunatamente, abbiamo poi ottenuto questa penalità che significa che non abbiamo nulla da mostrare, ma almeno possiamo guardare positivamente alla nostra prestazione. Abbiamo lottato per i punti per due gare di fila, speriamo di poter continuare a migliorare ancora di più “.

“It was a good recovery after yesterday and to take points from P16 on the grid would have been a great story. The conditions were very tricky, the track was slippery and it never fully dried up – it was so easy to make a mistake. We made a good start but couldn’t see anything in the spray; we did ok on the inters, they came back at the end of the stint but at that point the track was dry enough for slicks. We struggled a bit more after the red flag, but we were able to use the track layout to our advantage and keep everyone else behind to finish in P9. Unfortunately, we then got this penalty that means we don’t get anything to show for it, but at least we can look positively at our performance. We have been fighting for the points two races in a row, hopefully we can keep improving even more.”

Antonio Giovinazzi (vettura numero 99):
Alfa Romeo Racing ORLEN C41 (Telaio 03 / Ferrari)
Risultato della gara: 14 °
Giro più veloce: 1: 19.470 (L57)
Pneumatici: Intermedie nuove (27 giri) – Medie nuove (35 giri)

Antonio Giovinazzi (car number 99):    
Alfa Romeo Racing ORLEN C41 (Chassis 03/Ferrari)
Race result: 14th
Fastest lap: 1:19.470 (L57)
Tyres: New Intermediates (27 laps) – New Medium (35 laps)

   

“Stavamo facendo una gara fantastica fino al nostro problema ed era questione di poter finalmente mostrare il nostro vero potenziale di gara. Le condizioni all’inizio della gara erano molto difficili, mi hanno ricordato Hockenheim 2019 con una visibilità molto scarsa. Kimi ed io eravamo entrambi in zona punti e finire con entrambe le vetture nei primi dieci era sicuramente nelle carte in regola, ma sfortunatamente abbiamo avuto un problema tecnico con uno dei freni che ha richiesto un pit stop. Mi concentro sugli aspetti positivi: abbiamo una buona macchina e possiamo lottare per la top ten nella maggior parte delle gare. Speriamo che la fortuna sia più dalla nostra parte in futuro e che possiamo ottenere le ricompense che meritiamo “.

“We were having a fantastic race until our issue and it was a matter of finally being able to show our true race potential. The conditions at the beginning of the race were very difficult, they reminded me of Hockenheim 2019 with very poor visibility. Kimi and I were both running in the points and to finish with both cars in the top ten was definitely on the cards, but unfortunately we had a technical issue with one of the brakes that required a pit stop. I focus on the positives: we have a good car and we can fight for a top ten finish in most races. Hopefully luck will be more on our side in the future and we can get the rewards we deserve.”

Facebook

1 day ago

3 days ago

Unico…grande @kimimatiasraikkonen @mintturaikkonen

6 days ago

Vi aspettiamo per scambiarci gli auguri di Natale e trascorrere una piacevole giornata insieme!!! https://www.mitoclubjesolo.it/mcj/pranzo-di-natale-2021/